Certifico ADR Manager

Vedi Versione ADR 2021!

Download Trial

Documento di trasporto ADR: la dicitura corretta

Documento di trasporto ADR: la dicitura corretta

In Certifico ADR è presente una apposita funzione che genera l'informazione da riportare sul ddT ADR relativamente A quanto previsto dall'ADR, tale informazione può anche essere riportata nella pagina P.0 della Tremcards.

5.4.1 Documento di trasporto per merci pericolose e informazioni relative

A. Materia ADR
La dicitura nel ddt è strutturata con la seguente sequenza generale in relazione alle colonne della Tab 3.2 ADR:

Numero ONU
[col. 1]
Denominazione ufficiale
[col. 2]
Etichette
[Col. 5]
Gruppo Imballaggio
[col. 4]
Cod. restrizione galleria
[col. 15]
Altre diciture

UN 1098 Alcool allilico 6,1 (3) I (C/D) es: Pericoloso
per l'ambiente

Es: 
UN 1098 Alcool allilico 6,1 (3), G.I. I, (C/D)

Note:
1.
Valido tutte le classi tranne 1 e 7 (esplosivi e radioattivi)

2. Se presenti più di 2 etichette, la stringa diventa (ad esempio ONU 2901, etichette 2.3, 5.1, 8, la prima deve essere fuori parentesi e le altre due in parentesi, divise da virgola)

UN 2901 Cloruro di bromo 2.3 (5.1, 8), (C/D)

3. Se presente la disposizione speziale 274 [colonna 6], occorre un campo libero dove inserire il “nome tecnico” tra parentesi dopo la “descrizione “:

UN 2920 Liquido infiammabile n.a.s. (toluene e benzina) 8 (3), G.I. II, (C/D)

4. Quando una materia appartenente ad una delle classi da 1 a 9 soddisfa i criteri di classificazione del 2.2.9.1.10, il documento di trasporto deve riportare l’iscrizione aggiuntiva di “PERICOLOSO PER L’AMBIENTE”. Questa indicazione aggiuntiva non si applica ai numeri ONU 3077 e 3082 o alle eccezioni elencate al 5.2.1.8.1.

UN 2920 Liquido infiammabile n.a.s. (toluene e benzina) 8 (3), G.I. II, (C/D), PERICOLOSO PER L’AMBIENTE

B. Rifiuto ADR
La dicitura nel ddt è la medesima di quella riportata per una materia, va solo inserita la dicitura “Rifiuto” tra ONU e Descrizione:

Es.
UN 2920 Rifiuto Liquido infiammabile n.a.s. (toluene e benzina) 8 (3), G.I. II, (C/D)

Note 
1. Se viene applicata la disposizione per i rifiuti stabilita al 2.1.3.5.5, si deve aggiungere all'appropriata designazione ufficiale ADR la seguente dicitura: "RIFIUTO CONFORME AL 2.1.3.5.5"

es. UN 3264, LIQUIDO CORROSIVO, ACIDO, INORGANICO, N.A.S. , 8, II, (E), RIFIUTO CONFORME AL 2.1.3.5.5

 

Leggi tutto

ADR

ADR è l’accordo internazionale per il trasporto di merci pericolose su strada, acronimo di “Agreement concerning the International Carriage of Dangerous Goods by Road”. L'Accordo è stato sottoscritto a Ginevra il 30 settembre 1957 sotto gli auspici della Commissione economica delle Nazioni Unite per l'Europa, ed è entrato in vigore il 29 gennaio 1968. Con il D.Lgs. 40/2000 (GU n. 52 del 03.03.2000) è stata istituita la figura del Consulente per la sicurezza dei trasporti di merci pericolose (Consulente ADR). Il D.Lgs. 40/2000 è stato poi abrogato dal D.Lgs. 35/2010.


Vai sito UNECE

Archivio